Crea sito
 
 

  Editoriale
 
 
 
Rivista
del Nursing
in
movimento

 

  



Torna all'indice

 

Savar più flessibile,
dinamica, libera.

 

Savar più flessibile e dinamico, libero da pubblicazioni periodiche tipiche della carta stampata, questa è la novità che permette da oggi di aggiornare in tempo reale i contenuti della rivista e renderla più interessante e fruibile.
Uno spazio contenuto nel sito
www.nursing.nelmovimento.org vi informerà dei nuovi articoli, in alternativa potrete voi stessi  iscrivervi alla mailing-list del gruppo utilizzando l'apposito modulo e ricevere a casa una e-mail di avviso.

 

Il sommario della rivista conterrà gli ultimi 3-4 articoli per ogni sezione, successivamente, con la pubblicazione di nuovi contenuti, verranno archiviati insieme a quelli dei numeri precedenti sempre disponibili cliccando su "archivio" nel menù della home page.

 

 

Negli ultimi mesi Savar ha avuto un minor numero di accessi, uno dei motivi è sicuramente il fatto che in sette mesi sono usciti solo due numeri della rivista.

Riteniamo Savar strumento centrale per creare una nuova coscienza dei problemi globali della salute dei popoli per un nursing "in movimento".

 

Cambia anche il nome della sezione "IN" che individua e mette a fuoco criticamente gli aspetti del nursing per la costruzione di un'altro modo di promuovere la salute e prevenire la malattia.

Si chiamerà "nursing in movimento" e non "infermieri in movimento" per sottolineare come è sincero il nostro desiderio di aprire il dibattito non solo agli infermieri, ma ad altre professioni sanitarie e a tutti coloro vogliono una qualità della vita migliore e fanno nursing anche senza saperlo.

 

Nursing in movimento vuole occupare uno spazio dimenticato e trascurato tra gli operatori sanitari che si colloca tra la politica intesa come contesto operativo di messa in atto di ideali e l'etica come capacità di vedere oltre la buona pratica professionale verso la realizzazione e la tutela del diritto alla salute e dell'equità.

 

Come Tiziano Terzani, che accogliamo nella nostra comunità savariana, sosteniamo che possiamo ancora invertire la rotta: "Il grande pericolo è la rinuncia alla speranza, l'idea che i giochi sono fatti, che il mondo è già in mano "agli altri" e che non ci si può più far nulla".

 

Giancarlo Brunetti

[email protected]